Il Fondo nazionale per la non autosufficienza è stato istituito nel 2006 con Legge 27 dicembre 2006, n. 296 (art. 1, co. 1264), con l’intento di fornire sostegno a persone con gravissima disabilità e ad anziani non autosufficienti al fine di favorirne una dignitosa permanenza presso il proprio domicilio evitando il rischio di istituzionalizzazione, nonché per garantire, su tutto il territorio nazionale, l’attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni assistenziali.

Tali risorse sono aggiuntive rispetto alle risorse già destinate alle prestazioni e ai servizi a favore delle persone non autosufficienti da parte delle Regioni nonché da parte delle autonomie locali e sono finalizzate alla copertura dei costi di rilevanza sociale dell’assistenza sociosanitaria.

Le risorse sono attribuite alle Regioni in funzione della popolazione anziana non autosufficiente e degli indicatori socio-economici. 

FNA per l’anno 2021

Di seguito si allega la DGR XI/4138/2020, documento atto a definire i criteri di utilizzo delle risorse FNA per l’anno 2021 e di seguito le successive DGR XI/4443 del 22/03/2021 e della DGR XI/4562 del 19/04/2021 per il riconoscimento di risorse aggiuntive sulla misura

DGR XI_4138_FNA 2020 ESERCIZIO 2021

DGR N XI_4443_2021

DGR 4562_2021

L’Assemblea dei Sindaci dell’Ambito Oglio Po in data 24 giugno 2021 con delibera n. 696 ha approvato la ripartizione dei fondi per i due sub-ambiti e per ogni misura.

Si pubblicano quindi i documenti destinati all’attivazione della misura per l’anno 2021:

avviso fna 2021 casalasco

modulo richiesta contributo FNA 2021 casalasco

SCALA VALUTAZIONE b2 2021 FAC SIMILE

L’accesso e il processo di presa in carico 

Il potenziale beneficiario del contributo deve possedere, al momento della presentazione della domanda, i seguenti requisiti:

  • Essere residente in uno dei 17 comuni del sub-ambito casalasco.
  • ISEE sociosanitario in corso di validità (ISEE 2020) con valore minore o uguale ad € 25.000,00 e ISEE ordinario in caso di minori fino a un massimo di € 40.000,00. 
  • Essere titolari di certificazione della condizione di gravità cosi come accertata ai sensi dell’art. 3 comma 3 della legge 104/92 e/o di indennità di accompagnamento. La domanda di accesso al contributo può essere comunque presentata anche da chi è in attesa di riconoscimento, purché sia dimostrabile che è già stata presentata istanza;

I requisiti devono essere mantenuti per tutto il periodo di svolgimento del percorso.

La documentazione necessaria per tutte le azioni è la seguente:

  • Autocertificazione stato di famiglia.
  • Richiesta di contributo e proposta progettuale (se prevista)
  • Certificazione ISEE sociosanitario con valore minore o uguale a € 25.000,00

oppure

  • Certificazione ISEE ordinario in caso di minori fino ad un massimo di € 40.000,00
  • Copia attestazione disabilità grave da prodursi attraverso certificazione ex art. 3 c. 3 l. 104/92 e certificato di invalidità (100%) e, se a disposizione, con accompagnamento.In alternativa possibile presentare una dichiarazione che attesti la preparazione della documentazione richiesta o del rinnovo di certificazioni scadute (attesa esito commissione di valutazione, attesa fissazione della data di valutazione, ecc.)
  • Scheda ADL e IADL debitamente compilata dall’assistente sociale.
  • Per quanto riguarda il contributo a sostegno degli Assistenti Familiari è necessario presentare il contratto di lavoro corredato da documento d’identità dell’assistente familiare, più permesso di soggiorno (o cedolino che ne attesti l’avvenuto rinnovo) in caso di personale con cittadinanza extra-UE.

I soggetti in possesso dei requisiti potranno scaricare l’istanza dal sito istituzionale del Comune di residenza o da quello Consorzio Casalasco Servizi Sociali (www.concass.it). La compilazione sarà a cura del richiedente che provvederà poi a mezzo e-mail ad inviare il modulo debitamente compilato e gli allegati richiesti, al Servizio Sociale di Base del Comune di residenza onde evitare ulteriori contatti tra operatori e cittadini. Ove non sia possibile per il cittadino inviare l’istanza per mezzo informatico, lo stesso potrà redigere e consegnare l’istanza presso gli uffici di servizio sociale del Comune di residenza previo appuntamento con l’Assistente Sociale di riferimento.

La persona che intende richiedere il contributo potrà presentare domanda a partire dalle ore 12.00 del 29 giugno 2021 fino alle ore 12.00 del 29 settembre 2021

L’Assistente Sociale competente raccoglierà le istanze e verificherà l’appropriatezza delle richieste e la compatibilità con i requisiti previsti da bando.

In accordo con il cittadino fisserà un momento per la redazione delle schede ADL e IADL da svolgersi presso gli uffici comunali oppure via telefono in base alle esigenze della persona e sempre nell’ottica di prevenzione e tutela della salute pubblica. Se necessario accompagnerà il cittadino nella formulazione del progetto personalizzato anche con il coinvolgimento di enti del III settore o altre organizzazioni destinate al sostegno delle persone anziane e/o disabili.

L’Assistente Sociale competente inserirà tutti i dati e la documentazione raccolta nel portale di Cartella Sociale Informatizzata e poi invierà la notifica di caricamento al personale dell’Ufficio di Piano deputato alla raccolta delle istanze.

 

Documenti archivio anno 2020: 

piano Attuativo FNA 2020

modulo richiesta contributo FNA 2020

verbale I commissione fna 17.9.2020

verbale II commissione fna 20.10.2020

verbale III commissione fna 19.11.2020

verbale IV commissione fna 17.12.2020

verbale V commissione fna 19.1.2021.docx

verbale VI commissione fna 16.2.2021

dichiarazione assistenti familiari 2020.docx